Partecipo perché...


Partecipo a un gruppo di lettura perché mi costringe a leggere, e rende la lettura un'attività meno solitaria.
Giuliana

Partecipare è per me scoprire che la lettura condivisa è come un coro: voci diverse che cantano la medesima partitura.
Flavia

Sono molteplici le ragioni che mi spingono a partecipare: il piacere della lettura condivisa, la scoperta di nuovi autori, la conoscenza di persone intellettualmente stimolanti. Inoltre, se non ho letto il libro di cui si parla, quasi sempre sono invogliata a leggerlo; se invece l'ho letto, è come se l'avessi riletto più volte tanti sono gli spunti di riflessione che emergono da ogni incontro.
Daniela



Mi piace farne parte perché ho avuto modo di conoscere autori che si rivelano importanti e non sempre sceglierei. Inoltre, parlandone insieme scopro qualcosa di interessante anche dei libri che non ho apprezzato. Il Gruppo mi arricchisce, mi piace lo scambio di opinioni che mi porta sempre a riflettere.
Alda

Mi accorgo che da quando frequento il Gruppo di Lettura riesco meglio a prendere le distanze dall'impatto emotivo immediato che mi suscitano le pagine, per affiancarlo a una riflessione approfondita. Un passaggio dal consumismo semplice all'elaborazione di un pensiero che da sola non riuscivo a generare.
Marianne

Mi piace il Confronto con chi è diverso da me per età, sesso, ambiente sociale. Si valorizza così la diversità e viene abbattuto il concetto di giusto/sbagliato.
Mi piace il ritmo scandito dal Parlare/ascoltare.
Mi piace l’Accoglienza, sia nei confronti dei nuovi arrivati che delle idee espresse da ognuno.
Percepisco il gruppo di lettura come ‘vivente’, con i suoi compleanni e le sue feste.
Liliana


Da quando partecipo al Gruppo mi sembra di assaporare di più i libri, ci penso e ripenso, e questa cosa mi piace molto.
È anche bello immaginare le reazioni che susciterà nel gruppo.
E quando capitano opinioni molto discordanti ti sembra quasi di aver letto un libro diverso dagli altri...
Francesca


Il piacere di scoprire, attraverso i commenti alle varie letture, la sensibilità e la capacità di “guardarsi dentro” di ognuno.
Lorenza

7 commenti:

  1. Qualche tempo fa ho scoperto per caso il vostro blog e mi sono interessata a questa esperienza del gruppo di lettura, che mi sembra assolutamente interessante. Gestisco con amici una piccola libreria e da settembre abbiamo deciso di iniziare anche noi l'esperienza del gruppo di lettura, sono lieta di condividere la notizia con voi che, inconsapevolmente, ne siete stati ispiratori!
    Ciao a tutti, Monica

    RispondiElimina
  2. Siamo molto felici, Monica, di aver ispirato un nuovo gruppo di lettura! Buona avventura da tutti noi, e quando vuoi perché non passi a trovarci? Ciao!

    RispondiElimina
  3. Grazie, anche di essere passate sul mio blog! Vi racconterò come procederà l'avventura e se potrò sarò felice di passare a trovarvi!

    RispondiElimina
  4. Anonimo14:41

    Ieri sera 10/gennaio ho partecipato per la prima volta al GDL,devo ringraziare Roberto per la bella accoglienza che mi ha riservato un poco stupito in quanto io maschio,data la maggioranza femminile del gruppo,ho ascoltato con molta attenzione i commenti all'ultimo libro letto
    sono certo che sia una esperienza utile e che regala momenti di relax e distensione !
    alfredo

    RispondiElimina
  5. Partecipo perché mi piace condividere con altri lettori alcuni titoli che ho trovato quantomeno interessanti.
    Quello qui sotto non fa parte della categoria dei romanzi o della narrativa, ma l'ho trovato utile...

    http://www.macrolibrarsi.it/libri/__convinti.php#

    RispondiElimina
  6. Partecipo. E riparteciperò.
    Perchè, uomo, le donne non mi hanno cacciato via.
    Perchè la mia competenza letteraria è scadente, ma piena di curiosità.
    Perchè mi diverto.
    Ma soprattutto perchè trovo l'esame del libro a più voci pari a un viaggio insieme ad amici che ne condividono impressioni ed entusiasmo. Per un maggior godimento del viaggio stesso.
    Marino

    RispondiElimina
  7. Partecipo. E riparteciperò.
    Perchè, uomo, mi sento perfettamente accettato.
    Perchè la mia competenza letteraria è scadente, ma piena di curiosità.
    Perchè mi duverto.
    Ma soprattutto perchè trovo l'esame del libro a più voci pari a un viaggio insieme ad amici che ne condividono impressioni ed entusiasmo. Per un maggior godimento.
    Marino

    RispondiElimina